Per visualizzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Salute Mentale

I Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione (DNA) insorgono in età giovanile, tendono ad avere decorso lungo e complesso, mostrano elevata comorbidità e spesso comportano ridotte capacità di funzionamento relazionale e sociale con alti costi, diretti e indiretti, per i pazienti, le loro famiglie e la società.

L’espressione di sintomi su più livelli (psichico, fisico, alimentare) rende necessario un approccio diagnostico e terapeutico multidimensionale, interdisciplinare, pluriprofessionale integrato, basato sul livello ambulatoriale e condiviso all’interno di una rete integrata di servizi come raccomandato fin dalla Consensus Conference del 2012, dal Quaderno della Salute del 2013, dalle Linee Guida del National Institute for Health and Care Excellence (NICE) del 2017, dal documento dell'American Psychiatric Association (APA)  e dalle Linee di indirizzo per la riabilitazione nutrizionale del 2017.

Nella prospettiva adottata nelle Linee di indirizzo per la riabilitazione nutrizionale dei pazienti con DNA, come nelle linee guida internazionali, la gestione degli interventi nutrizionali è quindi programmata e organizzata in modo da essere coordinata con le altre terapie mediche e psicologiche.

Le Linee di indirizzo ministeriali, approvate in sede di Conferenza Stato-Regioni, vogliono, in definitiva, essere un pratico ausilio per gli operatori sanitari coinvolti nella cura dei disturbi dell’alimentazione per identificare correttamente le persone che necessitano di un supporto nutrizionale e mettere in atto i trattamenti integrati ed appropriati, contribuendo in tal modo alla riduzione delle complicanze mediche conseguenti alla malnutrizione e a favorire il recupero dello stato nutrizionale e della salute fisica, tappe essenziali nel processo di guarigione.

Il documento di indirizzo Interventi per l’accoglienza, il triage, la valutazione ed il trattamento del paziente con disturbi della nutrizione e dell’alimentazione - Raccomandazioni in pronto Soccorso per un Codice lilla nel sottolineare quanto siano indispensabili i servizi territoriali ed i percorsi personalizzati ed integrati, fornisce agli operatori sanitari un valido strumento di lavoro per il triage, la valutazione e la presa in cura dei soggetti fragili che presentano disturbi della nutrizione e dell'alimentazione e che si presentano in Pronto Soccorso in condizioni in condizioni di urgenza.

Le Raccomandazioni per i familiari, invece, hanno lo scopo di aiutare i genitori e le famiglie a riconoscere quali siano i sintomi cui porre attenzione e i campanelli di allarme che possono far pensare ai Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione, e di fornire loro un orientamento su come e dove cercare aiuto nonchè un supporto pratico, soprattutto per la gestione dei pasti.


  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 20 aprile 2021, ultimo aggiornamento 14 marzo 2024

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area